Arte di vivere

Vietnam: un'indimenticabile viaggio tra madre e figlia

"Perché non vieni con me in Vietnam?" Quando Catherine, la mia primogenita, fa questa proposta, pochi giorni prima di partire per l'Australia e l'Asia, la mia reazione è piuttosto piatta: "Vediamo, allora, non sarebbe ragionevole! Non ho il sub ... "

Ma dopo averla lasciata all'aeroporto, mi asciugo le lacrime e torno alla mia decisione: quante volte mia figlia ha fatto un'offerta come questa? Sarei molto pazzo a non saltare al rischio.

Così, pochi mesi dopo, mi trovo nel caldo umido di Ho Chi Minh City, dopo venti ore di volo. La mia pelle secca di febbraio beve letteralmente l'umidità di questa asiatica della tarda estate. Ho un pensiero per l'attore Robin Williams e il suo indimenticabile "Goooood mooooorning Vietnam!".

Generazione di globe-trotter

Mia figlia poco più che ventenne fa parte di questa generazione che viaggia in giro per il mondo zaino e smart phone in mano. Ha già visitato metà del pianeta. Cosa gli ha dato la puntura? Spedizioni in canoa durante i campi estivi? Il viaggio umanitario organizzato dal suo liceo? Nessuna idea Tuttavia, ha un'anima avventurosa: Sud America, Asia, Europa ... Si può dire che mi ha fatto passare notti insonni! Non saltai di gioia quando mi annunciò che sarebbe partita per un mese in Marocco. E che dire di questa volta quando ha fatto 12 ore di strada, di notte, in India, con gli amici? Uno dei peggiori momenti della mia vita.

Arriva dallo Sri Lanka quando sto per raggiungerla nella hall del suo ostello. Ho un po 'di apprensione: come sono le riunioni tra una ragazza abituata a non pianificare nulla e una madre un po' stressata che vuole vedere tutto il paese in due settimane? La risposta è ovvia: sarà un bel soggiorno.

Il Vietnam è un posto dove si possono vivere molte esperienze: visitare città, rilassarsi sulla spiaggia, fare trekking in montagna ... L'industria del turismo si sta sviluppando ad alta velocità V - Gli hotel sono buoni e troviamo tutto per tutti i gusti. I movimenti sono facili e piacevoli. Ho amici che hanno attraversato il paese in moto. Meno audace, ho preferito optare per l'aereo e il treno, più tradizionale e ... più comodo.

Foto di Ho Chi Minh City: stock.com/visualspace

Una ricca storia

Lì, si chiama ancora Saigon. Ho Chi Minh City è una grande conurbazione del Sud colonizzata dai francesi, dinamica senza essere veramente bella. La presenza francese ha lasciato tracce: nomi di strade e negozi, architettura - ad esempio il bellissimo edificio dell'ufficio postale centrale, la cui struttura metallica è stata progettata nientemeno che da Gustave Eiffel. Il Museo dei resti di guerra offre una prospettiva diversa da quella a cui siamo abituati. Non dimentichiamo che i sud vietnamiti hanno combattuto con gli americani contro i nordvietnamiti ... risoluti e destabilizzanti.

Ho Chi Minh City è anche un luogo di caffè, terrazze e gastronomia. Ci piace a un prezzo basso con i piatti di tutti i giorni comprati al mercato o nelle bancarelle sparse per la città: freschi involtini primavera, zuppe al phos e panini al panino su baguette croccanti, l'influenza francese obbliga!

Non terrò un ricordo duraturo del mio soggiorno sull'isola di Phú Quôc, dove gigantesche località turistiche siedono accanto alle baraccopoli lungo le spiagge. D'altra parte, Hoi An è indimenticabile. Situata nel centro del paese, questa ex capitale fu il fulcro del commercio marittimo nel XV secolo.

Classificato come patrimonio mondiale dell'UNESCO, è uno dei luoghi più visitati in Vietnam. Capiamo perché non appena mettiamo piede lì. Composto da un groviglio di strade strette e strette con canali, Hoi An appare magico dopo il tramonto, mentre centinaia di lanterne multicolori si illuminano ovunque e si riflettono nell'acqua. Tutto prende vita, i ristoranti temporanei appaiono sul bordo dell'acqua. È tempo di festeggiare! Puoi fare vestiti di seta. Ne approfitto per comprare delle belle sciarpe e offro a mia figlia un vestito dai colori scintillanti. Ho diritto al miglior Banh mi del mio viaggio, in un boui-boui altamente raccomandato dallo chef stellato Anthony Bourdain nel suo programma No Reservations (in ritrasmissione su Netflix). Catherine, lei non capisce perché sarebbe necessario fare la fila per 30 minuti, mentre il piccolo ristorante adiacente, deserto, vende anche tradizionali panini vietnamiti. La mia risposta? Perché ...

Zuppa di Pho Foto: stock.com/Hueberto

Coup de coeur ad Hanoi

Le strade sono piene di scooter e i marciapiedi sono strapieni di piccoli ristoranti improvvisati. Siamo ad Hanoi, la capitale, oh così rumorosa, disordinata e inquinata. Eppure, lo adoro. Che energia! Non c'è da stupirsi, dal momento che quasi la metà della popolazione del Vietnam ha meno di 25 anni. Per circolare in questo caos, è necessario il più delle volte camminare sulla carreggiata. Una stanza d'albergo costa poco, un pasto al ristorante ancora meno. Grande opportunità di offrire un po 'di lusso a mia figlia, abituata ai bagni comuni degli ostelli della gioventù. Il vecchio Hanoi - il quartiere di Hoan Kiem - è noto per le sue strade con nomi evocativi: merceria di strada, via della seta, via degli strumenti musicali ... I turisti vi si spingono. Ci sono anche diversi musei. Da non perdere il Vietnam Women's Museum, per capire meglio il loro posto nella storia del paese. Menzione speciale al Tempio della letteratura, un'oasi di pace nel trambusto della città. Tutto, o quasi, è raggiungibile a piedi, altrimenti viaggiamo in autobus o in taxi per tre volte niente.

Risaie Sapa Foto: stock.com/Gilsdenski

Perso tra le nuvole

Siamo diretti a Sapa, nel nord, a pochi chilometri dal confine cinese. Viaggiare in treno notturno prometteva di essere una bella esperienza! Ma mentre le macchine scricchiolano e il fumo di sigaretta dell'occupante della cabina vicina penetra nella mia, sono meno sicuro della mia scelta ... A differenza di me, Catherine dorme profondamente. Otto ore dopo, atterriamo in un paesaggio avvolto in uno spesso cotone bianco. Una nebbia per far ingelosire un londinese.

Impossibile vedere anche un pezzo di risone. Contro una sfortuna buon cuore, camminiamo qualche ora su strade fangose ​​per andare al vicino villaggio. E ci stiamo consolando al centro termale dell'hotel, prima di guardare gli Oscar sulla HBO Asia godendoci una buona colazione ...

Non c'è modo di lasciare il Vietnam senza aver visto la Baia di Along, 170 km ad est di Hanoi, con le sue rocce lunari che scaturiscono dall'acqua, come il dorso di animali preistorici. Sì, è molto turistico. E devi adattare la tua foto in modo da non vedere decine di barche che si scontrano sull'acqua. Tuttavia, non dimenticherò mai questa sublime alba sul ponte della barca con Catherine, entrambi avvolti in una spessa coltre. Se fosse di nuovo, probabilmente opterei per la baia vicina, Tu Long, meno affollata. Questo angolo del paese e i suoi paesaggi unici valgono davvero la deviazione.

Lanterne nella foto di Hoi An: stock.com/Holgs

Tornerò in Vietnam un giorno? Non lo so Devo attraversare il delta del Mekong, posso rivedere Hanoi e, perché no, attraversare le risaie su una moto. Quello che so è che i giorni trascorsi con mia figlia alla scoperta di questo splendido paese saranno tra i momenti più belli della mia vita.

Buoni piani