Arte di vivere

Ho attraversato il Gaspésie ... e mi ha fatto impazzire!

L'offerta del Traversée de la Gaspésie à l'Ankle (TDLG) è irresistibile: trekking da 15 a 20 chilometri al giorno in compagnia di guide esperte, il comfort degli alloggi e alberghi di sera, deliziosi pasti dove le specialità locali sono in onore, e il trasporto dei bagagli ha assunto per noi. Tutto è pianificato, anche i pranzi. Il meglio di tutti i mondi, cosa!

Smetti di sognare, ragazza, fallo.

Riempio la mia borsa e me ne vado. Destinazione: Bonaventura.

Un'unità di undici ore a bordo del bus charter dall'organizzazione TDLG è già l'inizio della spedizione. Incapace perfino di pensare a fare una bracciata di bucato o altre faccende domestiche, mi lascio trasportare, il pensiero già vagante.

Camminando per scendere dalla lista di "cose ​​da fare" ...

Vedi anche: Vietnam: un'indimenticabile viaggio tra madre e figlia

Quando andiamo a Trois-Pistoles, il mio compagno di viaggio mi confida che è appena uscita da un periodo pieno di eventi, una separazione dopo diversi anni di vita insieme. Questo incrocio di Gaspésie a piedi è il suo modo di terminare il suo lutto prima di intraprendere un nuovo capitolo della sua vita. Mi mostra una chiave, quella della casa di famiglia che è stata appena venduta. "Alla fine della strada, la butterò in mare", dice. Nei suoi begli occhi, ho diritto al mio primo paesaggio: un cumulo di tristezza su tre montagne di speranza.

Camminando per alleggerire ...

Una bellissima iniziativa

In Bonaventura, incontro Claudine Roy, 62 anni, fondatrice e anima del TDLG. Con il suo sorriso irresistibile, la sua contagiosa allegria e l'enorme girasole giallo che va oltre lo zaino, mi fa venir voglia di seguirla fino alla fine del mondo. Va bene, è nel programma! Durante tutta la settimana vedrò questo ragazzino malizioso abbracciare e osservare il "suo" mondo, come un cane pastore.

Claudine è proprio come la sua nativa Gaspesie: calda, amorevole e diretta. "Ho avuto una pazza idea, per far camminare il mondo insieme, per andare nel cuore dell'umano, e l'ho fatto ... La mia vita è sempre stata così, è la passione che mi guida Altrimenti, qual è il punto? "Dice.

Da una piccola mattina in raffiche, trovo i miei compagni di viaggio sulla spiaggia per partenza. Niente di irregolare per questo primo giorno, solo un bel riscaldamento sulla spiaggia, tra ciottoli e paludi. Il gruppo si divide in gruppi, ognuno dei quali trova il proprio ritmo. Siamo quasi 200 partecipanti, ma la vastità dell'orizzonte è tale che ci sentiamo ancora soli al mondo.

Cammina per vedere più lontano di noi.

Soprattutto una banda di ragazze

Non ho scarponi da trekking, solo il vecchio sentiero Salomon, logorato da innumerevoli gare di trail. Neanche bastoni da passeggio - me ne pentirò nella discesa del carro armato del Monte Albert. Il mio unico equipaggiamento è uno zaino piccolo in cui sono scivolato un impermeabile, un coltellino svizzero, un fischietto e una cioccolata.

Cammina per scoprire che la dimensione della borsa è proporzionale alle nostre paure, e che la cosa principale è il cioccolato (con le nocciole).

Partecipanti al Mount Albert (Foto: ricochetdesign.q.ca)

Sulla strada per l'amichevole Acadian Café di Bonaventure, dove ci aspetta il nostro primo drink della settimana (hanno il senso della festa, i Gaspésiens!), Qualcosa mi colpisce: la maggior parte dei camminatori sono camminatori. In realtà, tre quarti dei partecipanti sono donne, secondo l'organizzazione.

Bene, bene ... Lontano dal quotidiano, così come dagli obblighi professionali e domestici, le ragazze avrebbero cose da meditare? Guardo tutte quelle donne che stanno avanzando e le trovo bellissime con i loro grandi scarponcini da trekking, i loro impermeabili colorati e le loro risate. Questo incrocio di Gaspésie assume improvvisamente un altro significato. È una marcia femminile, una fuga, uno spazio per la riflessione e la "pulizia" della testa.

"Il TDLG è il mio momento, un regalo che faccio al di fuori della mia vita quotidiana, uno spazio per ricaricare le mie batterie", dice Virginie Egger, illustratrice e madre di due grandi ragazzi.

Camminare per prendere tempo.

Lungo i sentieri, le ragazze raccontano di essere in un momento cruciale della loro vita - nuova carriera, partenza dei bambini da casa, rottura, fine del progetto professionale - e che questa pausa di movimento di diversi giorni per loro valore simbolico.

Cammina per domare il cambiamento.

Da leggere anche: l'escursione, lo sport da adottare!

I giorni seguenti, ci misuriamo contro le montagne di Chic-Chocs: Xalibu, Albert, Blizzard, Aube Peak ... Nomi evocativi, una natura aspra quanto grandiose e ripide salite dove gli abeti lasciano il posto alla tundra alti. Orizzonti a perdita d'occhio, senza tracce di civiltà, incontri magici - ghiandaie grigie, orsi neri e caribù selvatici - e discese vertiginose ... Poi, il calore del Gîte du Mont-Albert e un buon vino che condividiamo parlando di exploit del giorno.

Cammina per scoprire un paese unico: Gaspésie.

All'incontro di se stessi

L'attrice Sophie Faucher è proprio accanto a me quando inciampa su una radice e fa una brutta caduta a pochi centimetri da un ripido burrone. Sophie si alza e, con umorismo, spazza l'incidente con il dorso della mano, dimostrando che il suo morale è fatto dello stesso acciaio dei suoi polpacci.

Cammina per giocare.

Mi sento privilegiato di essere circondato da queste donne piene di tenacia e di grandezza che salgono un passo alla volta, hanno il respiro corto e le gambe in fiamme. Più è alta la sommità difficile da conquistare, più la sensazione è esilarante. L'abbiamo fatto!

Andiamo avanti sintonizzando il nostro ritmo e i nostri desideri di parlare (o meno). I miei compagni provengono da tutti i ceti sociali, da tutti i ceti sociali, ma abbiamo una cosa in comune: la strada ... e qualche volta alcune lampadine.

Tre quarti dei partecipanti alla Gaspésie Traversée in caviglia sono donne. (Foto: Geneviève Lefebvre)

Ho sentito che Michelle Allen, la talentuosa sceneggiatrice della serie fuggiasco, è un fan delle escursioni e prepara un trekking all'isola di Reunion. Conoscevo il suo umorismo cittadino, ho scoperto la sua risata dei boschi. Non una volta stiamo parlando del nostro lavoro.

Cammina per conoscerti diversamente.

Sulle vette dei monti Gaspé, la vista è mozzafiato, fa venire le lacrime agli occhi e apre l'appetito. Seduto su una roccia tra i miei compagni, mangio il mio pranzo sentendomi una felicità inenarrabile. Io, il solitario, così refrattario a tutto ciò che è socievole, mi sento davvero felice di condividere questi momenti di bellezza con altri umani stupiti.

Cammina, prega, mangia il tuo panino.

E poi, troppo presto, troppo presto, arriviamo a Forillon Park, la fine della strada ... Con le sue valli sensuali e le scogliere a picco, la sua luce degna di un dipinto fiammingo e i suoi concerti di balene e foche, è il più lungo e il più dolce di tutti i nostri viaggi. Il culmine perfetto per completare il nostro viaggio.

Leggi anche: Camping: 10 idee per prepararti

Durante gli ultimi chilometri di questa settimana ricca di emozioni, incontro il mio vicino di autobus. Ci scambiamo un sorriso che parla da solo. So che presto si dirigerà da sola verso il mare per sbarazzarsi della chiave che simboleggia la sua vecchia vita.

Alcuni uomini coraggiosi si gettano nelle onde ghiacciate, ridendo come bambini. Non so quale sarà il futuro per tutti noi, ma una cosa è certa: la rotta condivisa ci cambia. Allevia i cuori, consola i dolori e forgia le amicizie.

Camminare per catturare il tempo che vola e permettersi la grazia di un momento di eternità.

Walking.

Scrittore e scrittrice, Geneviève Lefebvre ha scritto quattro romanzi, tra cui Ogni volta che non sono morto (espressione libera), la sua più recente.

Загрузка...