Recensioni

La differenza tra "essere grassi" e ottenere "grassi"

LEGGI: ​​cosa pensano gli altri del nostro aspetto?

"Ho un grande, grande malessere con la politicizzazione di corpi tradizionalmente considerati bellissimi. Darti la pancia se pesassi 160 libbre non ha lo stesso impatto che se pesassi 340. E il fatto di esibire pubblicamente , accompagnato da una frase che dice che uno tende ad essere ammirato per il suo coraggio, non dovrebbe essere avvicinato allo stesso modo ... So che i grandi non hanno il monopolio dei complessi La società gentile in cui viviamo fa in modo che tutti siano ossessionati dalle loro "imperfezioni". Guida l'economia. lotta per tutti Ma non è un lotta uguale. Ama te stesso e indossa un crop top quando pesiamo 300 sterline è incomparabile farlo quando ne pesiamo 120. Questo è solo un dato di fatto ", ha scritto come introduzione.

Quando ho letto quelle parole, una piccola lampadina si è accesa nella mia testa. Eureka! È lì che prendo questa strana miscela di disagio e malumore che si aggrappa alle mie viscere quando un amico molto più magro di me si lamenta di essere "troppo grosso" o di avere cosce "troppo spesse" nella mia bocca. presenza! Non ho mai avuto il tempo di pensare a questa ondata di forti emozioni che mi invadono troppo spesso prima che Gabrielle esprima pubblicamente la sua opinione sull'argomento.

È vero che ognuno ha i suoi complessi, le sue insicurezze, le sue piccole piaghe sulla sua autostima e autostima. Per esperienza, posso anche confermare che molto spesso le persone più sottili e belle sono meno sicure di quelle che hanno un aspetto fisico definito "atipico". Non saprei spiegare come o perché, ma è così. È anche vero che le persone che sono più coinvolte non sono le uniche che hanno il diritto di lamentarsi e di cercare complimenti o messaggi di incoraggiamento sui social network. Ma ciò che deve essere riconosciuto e compreso è che esiste un'enorme differenza tra l'essere grassi e il senso di grasso.

LEGGI: ​​C'è spazio per ragazze rotonde su Tinder?

Quando si è sovrappeso, è l'intera società, o quasi chi ha il compito di ricordarci quotidianamente che si è diversi, "imperfetti", persino inquietanti o addirittura disgustosi. Ho smesso di contare il numero di sguardi e parole sprezzanti (volontariamente o meno) che mi sono stati rivolti in modo doloroso negli ultimi anni. Nel caso alcuni di voi ne dubitino: essere grassi non è divertente. Nessuno sogna di essere molto avvolto, credimi. Soprattutto non i grandi. Viene fornito con molte sfide, sequele e talvolta anche problemi di salute.

"Perché non dimagrisci, allora?", Chiediti. Questa non è la domanda. (E se vuoi davvero la mia risposta, eccola: ho una dieta sana e uno stile di vita attivo, sono bravo nel mio corpo e anche nella mia testa. Sono bello come sono oggi, ieri e domani, perché dovrei perdere peso, adattarmi allo stampo modellato dalla società, compiacere gli estranei che incontro per strada?

Il vero problema sta nel modo in cui affrontiamo il tema della nostra insicurezza rispetto al nostro involucro corporeo. Devi imparare ad essere sensibile a te stesso e agli altri. Per prendersi più cura di noi, tu ed io. Pensare ai nostri amici e parenti più rotondi che vivono domande molto più profonde e profonde prima di lanciare i nostri stessi complessi in faccia. Impara a dire "I feel fat" piuttosto che "I'm fat" se non hai problemi di peso. Perché alla fine della giornata, tutti abbiamo lo stesso sogno: sentirci belli e bene nella nostra pelle, indipendentemente dalle nostre dimensioni o dalla nostra figura. E tutti abbiamo bisogno degli altri per arrivarci. Basta sapere come farlo bene.

Segui Joanie Pietracupa su Twitter (@theJSpot) e Instagram (@joaniepietracupa).

Video: Tiziano Ferro - La differenza tra me e te (Agosto 2019).