Salute

La dieta ipotossica: intervista a Jacqueline Lagacé

Non ce la faceva più. Le sue mani incline all'artrite dolevano. Terribilmente.

Era "incapace di aprire una semplice bottiglia d'acqua". Durante la ricerca su Internet, è caduta sul sito web del Dr. Jean Seignalet, un medico e ricercatore francese che sosteneva un approccio dietetico che bandiva i prodotti lattiero-caseari e i cereali, ad eccezione del grano saraceno e del riso. Senza aspettare, Jacqueline Lagacé ha iniziato.

Dopo 10 giorni, il dolore è sparito. "Dal terzo mese, ho iniziato a muovere di nuovo le dita!" Dice. Sedici mesi dopo l'inizio della dieta, ha trovato l'uso delle sue mani. Oggi non si considera guarita, ma in remissione. "Guarda le mie mani", disse con entusiasmo. L'artrite ha lasciato poche sequele alle dita. "La dieta ipotossica mette fine alla maggior parte dei sintomi e impedisce alle malattie infiammatorie di progredire. Finché la seguirò, terrò a bada la mia artrite, posso ammettere alcune deviazioni, ma non troppo."

Mentre stava recuperando la salute, il pensionato dell'Università di Montreal - che era ricercatore e direttore di un laboratorio di immunologia e batteriologia - tornò al lavoro ... Prima di approfondire le sue conoscenze in nutrizione, quindi per divulgare i testi del dott. Seignalet, morto nel 2003, e scrivere. "Volevo far beneficiare gli altri della mia esperienza", dice la signora piuttosto riservata.

Il suo primo tentativo, Come ho superato il dolore e l'infiammazione cronica attraverso la dieta, pubblicato da Fides nel 2011, risponde a un'esigenza. Venduto oltre 100.000 copie, viene ristampato nove volte e tradotto in inglese e italiano. Seguirà un ricettario, poi un altro, Ricette gastronomiche per il dolore cronico, progettato con l'aiuto degli chef di Eastman Spa.

Tre ricette da consultare qui.

Quali sono gli alimenti più dannosi e perché? I cereali (grano, orzo, mais, segale ...) e i prodotti lattiero-caseari sono più probabili di altri alimenti a causare l'infiammazione. Alcune delle nostre abitudini anche. Ad esempio, la cottura di cereali e proteine ​​animali con temperature superiori a 110 ° C (230 ° F) produce glicotossine, sostanze chimiche tossiche per l'organismo.

Come spiegarlo? Secondo il dott. Seignalet, esiste un legame tra dieta, flora intestinale e sistema immunitario. Nelle persone geneticamente predisposte, le diete moderne influenzano la mucosa intestinale. Il sistema immunitario a volte reagisce innescando reazioni infiammatorie, come nel caso dell'artrite reumatoide o della sclerosi multipla, per esempio.

Il dottor Seignalet non ha pubblicato il suo lavoro ... Esistono prove dei benefici di questa dieta? Nel mio primo libro ho fatto riferimento a più di 450 articoli scientifici su fattori che hanno un'influenza diretta sullo sviluppo di malattie infiammatorie croniche, come uno squilibrio della flora intestinale, gli effetti dannosi dei cereali contenenti glutine, Latticini, glicotossine, zucchero in eccesso e sale ... ecco cosa ha alzato Seignalet.

Foto: Garcia / Photocuisine / Corbis

Alcuni esperti sostengono che il successo di questa dieta potrebbe essere dovuto all'effetto placebo ... Le meta-analisi, che combinano i risultati di numerosi studi sullo stesso argomento, dimostrano chiaramente che quando c'è un effetto placebo - in particolare sul dolore che, come sappiamo, porta una certa dose di soggettività - è minimo. Stiamo parlando di una diminuzione del dolore del 6,5% in media. E poi, l'effetto placebo non dura. Inoltre, alcuni parametri misurabili nel sangue, come il livello di proteina reattiva C, la cui presenza è un segno di infiammazione, o il livello di zucchero, non vengono mai modificati. Tuttavia, in diverse persone che hanno seguito la dieta ipotossica, gli esami del sangue hanno mostrato una marcata diminuzione di questi parametri. Un uomo con diabete di tipo 2 potrebbe addirittura evitare l'amputazione di una gamba.

Bandire questo e quello, favorire una cottura a bassa intensità ... Non è complicato? Al contrario La piastra ipotossica è composta da due terzi di verdure e una porzione di 100 grammi di carne [o pesce] cotto a meno di 100 ° C.

La dieta funziona ancora? Il dott. Seignalet ha riconosciuto che la dieta è inefficace nel 20% dei casi. Le testimonianze che ricevo lo confermano. O i problemi di salute di questi pazienti non sono nella lista delle malattie che alleviano la dieta - tra cui l'artrite reumatoide, la sclerosi multipla, l'artrosi, la fibromialgia - o il loro corpo risponde male a un permesso di cibo. Da parte mia, non tollero il grano saraceno, anche se non è vietato. In ogni caso, nessun cibo, anche il migliore del mondo, è adatto a tutti. Per identificare i cibi problematici, ti consiglio di tenere un diario giornaliero in cui tutto ciò che mangi, ciò che bevi e come ti senti è indicato.

Le tue ricette gastronomiche sono solo per le persone con malattie croniche? Per niente ! Questo libro ti permette di scoprire altri cibi e metodi di cottura. La semplice riduzione del livello di glicotossina dal 30% al 50% migliora i parametri del sangue. La dieta ipotossica può ridurre i livelli ematici di zucchero, colesterolo cattivo (LDL) e trigliceridi e può persino correggere l'ipertensione. Questo può prevenire malattie degenerative come l'Alzheimer e disturbi cardiovascolari.

La dieta ipotossica in poche parole

Si noti che la carne deve essere cotta a meno di 110 ° C (230 ° F) per evitare la produzione di glicotossine. Il fornello lento, il forno a vapore e il forno a calore molto basso sono metodi eccellenti, così come la pentola a pressione, purché funzioni su più livelli di pressione.

fonte: Come ho superato il dolore e l'infiammazione cronica attraverso la dieta, Fides.

Incontri gustosi

Invitato a gustare la cucina ipotossica di Spa Eastman, Jacqueline Lagacé è stata sedotta dalla ricchezza dei suoi sapori. Ha invitato gli chef Kévin Bélisle e Jean-Marc Enderlin a far parte dell'avventura del suo libro. Spa Eastman, nelle township orientali, è sempre stata un passo avanti nel mangiare sano. Il suo amministratore delegato, Jocelyna Dubuc, è alla ricerca di tendenze. "La cucina ricca e pesante, difficile da digerire, non è aggiornata", afferma, "la mia clientela è alla ricerca di una cucina che lusinga le papille gustative, ma sia anche stimolante e rivitalizzante!" Ricette gastronomiche per il dolore cronico, lanciato nel novembre 2013, mette in mostra ingredienti semplici - funghi, quinoa, miglio, latte di cocco, salmone - in presentazioni appetitose.

E le ricette sono facili da preparare. Nella prima parte del libro ci sono le migliori ricette di Jacqueline Lagacé e dei suoi fedeli collaboratori Louise Côté e Louise Labrèche. Nella seconda parte segui le delizie degli chef di Spa Eastman, di nome Kévin Bélisle Chief Health 2013 dalla Society of Chefs, Cooks e Pasticceria Makers del Quebec.

Ricette gourmet per il dolore cronico, Fides, $ 32,95

Tre ricette da consultare qui.