Modo

Compra una casa da solo, perché no?

Nel 2015, Geneviève Savage si separa e si trasferisce con il figlio in età prescolare in una nuova casa. "Quando la polvere si è calmata, ho capito che stavo pagando troppo per una casa puzzolente di sigarette, e ho pensato presto di acquistare un appartamento come investimento e come migliorare la mia qualità della vita", ha detto. racconta il trentenne che viveva nella casa del suo ex coniuge.

Ma prima di partire alla ricerca della sua prima proprietà, lei mette i suoi tag. Per questo insegnante all'asilo, nessuna questione di cambiare il suo stile di vita. "Non volevo rinunciare alla mia roulotte nel mio campeggio stagionale o nelle mie uscite", dice. Per evitare la gabbia dorata, fa un giro completo delle sue finanze con il suo broker ipotecario esagerando le sue spese. "Quando ho visto che i numeri stavano funzionando, il mio stress era sparito, e ho pensato, via!", Dice la persona che ha trovato un appartamento a suo piacimento.

Come Geneviève Savage, sempre più donne - single, divorziate o vedove - comprano solo. Il loro desiderio di accedere alla proprietà supera di gran lunga quello degli uomini. "Nella mia clientela, il 75% delle persone che acquistano da sole sono donne", afferma Sylvie Rousson, broker ipotecario presso Multi-Mortgage Loans.

Le donne single rappresentano il 17% degli acquirenti nel mercato immobiliare statunitense. Solo uomini, 7%. Per cosa? "Più indipendente che mai, non stiamo più aspettando di essere in una relazione per diventare proprietari di case", afferma Christiane Van Bolhuis, pianificatore finanziario presso Sun Life Financial.

Leggi anche: in che modo le coppie gestiscono i loro soldi?

Quando si acquista una casa o un condominio da solo, la pianificazione diventa essenziale, perché in caso di problemi, non si può contare sul supporto di un coniuge. Da qui l'importanza di non allungare l'elastico al massimo. "Anche se le istituzioni finanziarie ci prestano $ 300.000, non dobbiamo mai avvicinarci a questo limite", avverte Sylvie Rousson, che diffida delle regole generali che abbondano in questo settore, incluso quello secondo il quale possiamo spendere fino a 30 % del suo reddito in costi di alloggio. "In realtà, tutto dipende dal nostro stile di vita e dalle nostre aspirazioni, ogni caso è unico", afferma.

Dobbiamo anche tenere i piedi per terra. Credi che, acquistando una proprietà, uno diventerà più economico è il pensiero magico. Un errore commesso da Stéphanie Lessard, proprietario di una residenza cittadina per cinque anni. "Mi ero prefissato l'obiettivo di ridurre il mio stile di vita dopo questo acquisto, ma non ci sono riuscito. Il risultato: sono stato preso alla gola", dice.

Per ridurre al minimo i rischi, entriamo in modalità consultazione dall'inizio del progetto. Il nostro consulente finanziario o il nostro broker ipotecario può aiutarci con il nostro budget, tenendo conto di tutte le spese per la proprietà della casa - trasferimento delle tasse, caparra, spese notarili, traslochi, ecc. "Si può quindi valutare la fattibilità del progetto", afferma Christiane Van Bolhuis.

Quando è giunto il momento di eseguire i segnali "In vendita", Sylvie Rousson consiglia di pre-approvazione ipotecaria, per conoscere il nostro margine di manovra. "Oltre a dimostrare la serietà del nostro approccio a un potenziale venditore, può bloccare un tasso di interesse per un periodo da 30 a 120 giorni. In un contesto in cui le tariffe potrebbero aumentare, è interessante." Buone visite!