Salute

Veloce da guarire

Jason Fung mi ha detto al telefono che quello che sta succedendo nella sua clinica è "unico al mondo", con l'entusiasmo di un Doc Brown che spiega le potenzialità della sua macchina del tempo in Ritorno al futuro. Nessuno, ha giurato a me, conduce tali esperimenti con i suoi pazienti. Nel mezzo di parole per esca un giornalista. Una valigia più tardi, eccomi a Scarborough, un quartiere congestionato di Greater Toronto che, se non pittoresco, potrebbe essere una rivoluzione medica.

Arrivo al momento della confessione. Megan Ramos, che assiste il nefrologo Jason Fung alla Intensive Dietary Management Clinic, ascolta i problemi alimentari di una mezza dozzina di pazienti sani seduti a semicerchio in una stanza stretta. Sul muro, una pubblicità di calze; sullo scaffale, una massa di plastica gialla che rappresenta un chilo di grasso umano, un ricordo mortificante che non siamo fatti di cotone idrofilo all'interno.

"Non ero un angelo, avevo una cotta al ristorante e ho ordinato della pasta", dice Laura *, una bionda tettona della Florida. Ha una bella carnagione, ma le vacanze l'hanno fatta espandere, ne ha paura. "Ho svuotato sacchi di patatine", dice Cindy, fissando il suo caffè gigantesco di Starbucks, "È dura la sera, mi sto arrabbiando!"

Per incoraggiarli, Megan Ramos dice che ha mangiato più spaghetti in 32 anni di quanto la maggior parte degli umani non mangino mai. Ma era in un'altra vita, quando pesava 80 libbre in più e tirato su pizze e McCroquettes. Deve la sua prodigiosa trasformazione a Jason Fung, che ha servito come cavia quando ha implementato il suo programma nel 2013.

Dopo l'atto di contrizione, tutti nel mondo affrontano il test della scala, del tensiometro e del metro a nastro intorno alla pancia, il modo in cui gli Weight Watchers sono in grado. Ma un Weight Watchers estremo. Qui, le persone digiunano per perdere peso, sotto stretto controllo medico. Per 14 ore, tre giorni, due settimane ... Dipende dalle loro condizioni fisiche. E la loro volontà.

Salva la tua pelle

Non bussiamo alla porta di Jason Fung nella speranza di scolpire un corpo al Sports Illustrated Swimsuit. Veniamo qui per salvare la nostra pelle, al costo di $ 500 all'anno. "Non ho scelta", dice Maureen *, preoccupato. Come quasi tutti i pazienti Dr Fung, un ragioniere di 44 anni, soffre di diabete di tipo 2, una piaga che affligge oltre 3,4 milioni di canadesi ed è allucinata. Colpisce anche i bambini, cosa rara 20 anni fa.

La malattia, che può disabilitare, cieco e cuore, è caratterizzata da un livello di zucchero (glucosio) troppo alto nel sangue. Il metabolismo di coloro che ne soffrono non produce più insulina, un ormone essenziale per il controllo del glucosio, che li costringe a iniettarlo in una forma sintetica. Se questa interruzione è in parte genetica, anche la cattiva alimentazione e lo stile di vita sedentario sono coinvolti. La maggior parte dei diabetici di tipo 2 ha superato il loro peso ideale.

In linea di principio, questo disturbo è irreversibile. Ma Jason Fung non ci crede. Quindi si affida a una cura anti-shock per invertire la diagnosi di Maureen, che è moderatamente sovrappeso: 14 giorni senza ingerire un boccone. "Ben fatto non scappare quando te l'ho detto" dice lui per stuzzicarla. Quindi, raccomanda una dieta a basso contenuto di carboidrati ricca di grassi, verdure e proteine ​​- la combinazione ideale, secondo il medico, per controllare la glicemia e continuare a sciogliersi.

Maureen viene qui in segreto dal suo solito specialista, che disapprova i metodi non ortodossi del Dr Fung, conosciuto in Canada inglese da quando ha pubblicato due libri sui meriti del digiuno (il suo ultimo è stato pubblicato in francese alle Éditions du Trécarré, con il titolo Codice obesità).

Il nefrologo iniziò a preoccuparsi della situazione dei diabetici perché molti di loro fallirono nel suo ufficio, alle prese con gravi problemi ai reni. "Non potevo sopportare di vederli appassire, ho dovuto affrontare la radice del male", dice. Tuttavia, secondo lui, prescrivere farmaci è efficace quanto "mettere un cerotto su un cancro della pelle", poiché è principalmente un problema legato al cibo. "Sfortunatamente, i medici non vogliono scuotere le loro piccole certezze".

Inoltre, non si preoccupa dello scetticismo dei suoi pari: i risultati ci sono. Chi non esita a qualificarsi come pioniere si affretta ad aprire il quaderno in cui registra i risultati degli esami del sangue e delle misurazioni corporee dei suoi pazienti. Ne ha visti più di mille finora e la lista d'attesa per aderire al programma è di almeno un anno.

Non c'è nessun problema, è convincente. Cindy, per esempio: il drogato delle patatine. Diabetici dal 2005. Il suo pancreas è stato tagliato a metà a causa del cancro. Quando ha iniziato il programma di digiuno lo scorso novembre, ha assunto 80 unità di insulina al giorno per controllare il livello di zucchero nel sangue (che è molto alto). Ma da marzo ha finito le droghe. "E ci sono anche casi più eclatanti", aggiunge il dottore, gli occhiali all'estremità del naso. Ha incontrato pazienti che hanno iniettato giornalmente 200 unità di insulina e che l'hanno liberato in un mese e mezzo. "Persone che hanno sofferto di diabete da 20 anni! Su 10 che rispettano veramente il protocollo prescritto, 8 migliorano la loro situazione. Veloce è un'arma di potere formidabile".

Chi non costa un centesimo, in più. Nessuna pillola da prendere, nessun intervento chirurgico da subire. Se funziona davvero, il governo salverebbe miliardi in sanità. E le promesse non si fermano qui: al momento, i ricercatori a capo di grandi laboratori stanno esaminando altre presunte virtù del digiuno. Rallenta l'invecchiamento delle nostre carcasse mortali, per esempio. Ritarda l'aspetto di Alzheimer. Elimina la maggior parte degli effetti collaterali della chemioterapia. Trattare depressione e ansia. Sebbene gli studi siano stati finora focalizzati sui topi, sono in corso studi clinici con esseri umani e risultati preliminari suggeriscono importanti progressi in medicina.

Operazione di pulizia 

Secondo questi scienziati, il digiuno trarrebbe il suo potere di guarigione dal fatto che, in assenza di cibo, il corpo si divora per sopravvivere. Come persona esperta, per prima cosa risparmia le sue parti più preziose, come i muscoli, per sbarazzarsi dello svuotamento - cellule danneggiate e rigonfiamenti, per esempio. A lungo andare, questa auto-liberazione porta, naturalmente, all'esaurimento totale delle risorse, e lì si lascia la pelle. Ma al momento, permette all'organizzazione di intraprendere lavori di ristrutturazione che raramente ha il tempo di fare, impegnato a digerire i sei pasti al giorno che vengono inviati, in media, in contanti spuntini, il cui numero è salito drammaticamente in 40 anni.

La sua ipotesi è che il digiuno permette di sbarazzarsi del diabete di tipo 2 grazie alla rapida perdita di peso che induce. Non è il solo a pensarlo. Normand Mousseau, professore di fisica all'Università di Montreal, è riuscito a sbarazzarsi di questa malattia consumando solo 700 calorie al giorno - che è quasi equivalente al digiuno, considerando il fabbisogno energetico giornaliero di un uomo di 50 anni come lui (tra 2.350 e 2.900 calorie, a seconda del livello di attività fisica). "Per un periodo di un anno, ho seguito questa dieta tre volte, ogni volta per 10 giorni", dice, "dopo di che ho perso il 25% del mio peso iniziale. era di nuovo normale! "

Il fisico deve questo piccolo miracolo al lavoro di Rob Taylor, un ricercatore medico nel Regno Unito che ha scoperto, grazie alla risonanza magnetica nucleare, che la grave fame per alcune settimane provoca un notevole calo dei livelli di glucosio nel sangue. Soprattutto, costringe il corpo a rivolgersi al grasso depositato negli organi interni per continuare la sua routine. Soprattutto nel pancreas, dov'è la fabbrica di insulina. In linea di principio, nei diabetici, questa fabbrica è chiusa a vita a causa della maggiore usura. Tuttavia, il sgrassaggio rapido riavvia il macchinario, tanto che le attività di regolazione della glicemia riprendono il loro corso. E questi effetti sarebbero duraturi, secondo studi recenti di Taylor - anche dopo aver fatto cadere la dieta secca.

Questo è il caso di Normand Mousseau, che non ha visto lo spettro del diabete dalla sua guarigione tre anni fa. "Ovviamente, ho uno stile di vita migliore rispetto a prima ... Dopo tutto, non sono andato a 245 chili mangiando sedano! Ma preferisco controllare la mia dieta rispetto al mio livello di zucchero. per evitare l'amputazione a causa del diabete ".

Una cura per l'obesità?

Tutte queste storie incuriosiscono il cardiologo Martin Juneau, direttore della prevenzione presso il Montreal Heart Institute. Ha letto i libri di Jason Fung, oltre a un rigoroso pacchetto di studio sul digiuno, e ciò che ha imparato gli fa desiderare di offrirlo ai pazienti come parte di un progetto di ricerca. "Anche se, in Quebec, la gente pensa che sia un ciarlatano, forse a causa del nostro passato cattolico - ci ricorda troppo la Quaresima - il digiuno causa meno reazioni viscerali in Europa".

Se questo approccio lo attrae, ha lavorato per 31 anni per perdere peso con persone che soffrono di malattie cardiache o che sono a rischio di svilupparlo. E come tanti altri, vede il noioso fallimento della classica combinazione di esercizi dietetici. "Non è per mancanza di volontà: i miei pazienti seguono la loro dieta assiduamente, a volte fino al punto di tortura, ma è sufficiente che si concedano una breve pausa in modo da recuperare il peso perso. specialmente quando non sono al loro primo tentativo - è come se il corpo stia resistendo ".

Uno dei nemici giurati delle diete tradizionali sta rallentando il metabolismo. Vedendo che nel motore c'è meno gas del solito, il corpo si adatta diminuendo la velocità di crociera. E l'ordine di andare soft è lungo! Da qui l'incredibile facilità con cui si ingrassa di nuovo non appena si rompe qualche caramella. E questo non aiuta, riducendo l'apporto calorico semina il panico negli ormoni responsabili della fame. L'appetito aumenta non solo, ma non ti senti mai pieno. In breve, le forze oscure sono organizzate per rimanere grassoccia.

Il digiuno, tuttavia, li sfiderebbe, secondo gli studi citati da Jason Fung, perché la mancanza di cibo non provoca gli stessi cambiamenti fisiologici di una dieta ipocalorica. In primo luogo, il metabolismo si attiva piuttosto che mettere i freni, a causa di tutto l'arsenale ormonale schierato per attraversare l'episodio della carestia. Quindi, la fame scompare. È perché l'ormone stimolante l'appetito, la grelina, è l'abbronzatura a urlare nel vuoto dopo due o tre giorni senza mangiare.

"All'inizio, d'altra parte, è orribile", ammette Sonya Anvar, una studentessa di biologia di Sherbrooke che ha resistito per due settimane nella speranza di estromettere un parassita intestinale (e ha funzionato!). Ha anche supervisionato il digiuno di circa 300 persone quando era naturopata. "Una volta che il corpo ha consumato il suo stock di glucosio e inizia a scavare nel grasso in banca, non sta più soffrendo, tranne che rimane una grande sfida psicologicamente. Viviamo in una tale cultura di in abbondanza! "

Questa è una delle preoccupazioni del cardiologo Martin Juneau, che cerca una soluzione praticabile per i suoi pazienti che perdono peso. Riusciranno davvero a privarsi del tutto di sé piuttosto che tagliare un po 'le porzioni? "Avere un pasto è anche un atto sociale, è così facile digiunare mentre tutta la famiglia è al tavolo, devi vedere come integrarlo nella tua vita quotidiana", dice.

Sicuro ... ma scoraggiante

La chiave potrebbe risiedere in forme più brevi di digiuno, i cui effetti metabolici sarebbero paragonabili a quelli di completa astinenza per 24 ore o più. Poco praticato qui, sono una disgrazia in Europa negli ultimi anni, specialmente in Inghilterra. Tra i più popolari: l'alimentazione a tempo limitato, che ti permette di nutrire quanto vuoi, ma all'interno di una finestra da sei a otto ore consecutive nel corso della giornata, preferibilmente dal mattino ; il "5-2", che include due giorni a 500 calorie durante la settimana, mentre continua la sua dieta abituale per il resto del tempo; e il digiuno a giorni alterni, alternando un giorno con 500 calorie con un giorno "a volontà", senza restrizioni (sì, possiamo anche colpire un poutine).

Resta da vedere se questi metodi funzionano e sono sicuri. È quello che prova Krista Varady, leader mondiale nel digiuno intermittente. Finora, il ricercatore di nutrizione dell'Università dell'Illinois di Chicago ha presentato circa 600 persone obese a varie esperienze dietetiche, in particolare cibo a giorni alterni. Per molti dei partecipanti, è stato un successo. La loro perdita di peso, a volte considerevole, è stata mantenuta dopo un anno, mentre il loro colesterolo cattivo, la loro pressione sanguigna e il loro livello di zucchero sono diminuiti.

Tra le sue sorprendenti scoperte: la gente non si riempie durante i giorni del "lecca-lecca" - solo il 10% mangia più del solito. "Sorprende loro stessi", dice in un'intervista dopo un giorno a 500 calorie, molti vanno a letto sognando la colazione abbondante il giorno successivo, tranne che una volta prima del loro piatto, non hanno il gusto La severa restrizione li fa riprendere gradualmente con i segnali di sazietà. Essi riferiscono di sentirsi più rapidamente saziati, come se il loro stomaco si fosse ridotto ".

In realtà, è piuttosto che il digiuno rallenta il tempo del sistema digestivo. Quando ti ri-alimenti, il cibo rimane più a lungo nelle viscere, il che, naturalmente, prolunga la sensazione
di replezione.

Inoltre, contrariamente alla credenza popolare, saltare i pasti non comporterebbe una carenza di minerali o di micronutrienti. A meno che la dieta non lasci desiderare, nel qual caso il nutrizionista sostiene gli integratori vitaminici. E non causa neanche disturbi alimentari. "È stato testato, e sembra che al contrario, l'atteggiamento nei confronti del cibo diventi più sano. Tuttavia, le persone che soffrono di iperfagia [costrizione a mangiare] sono escluse dai miei studi".

In breve, secondo lei, il digiuno intermittente è un'opzione sicura: non hai nemmeno bisogno di consultare un medico se sei in buona salute. Jason Fung è d'accordo, tranne che scoraggia totalmente quelli con un indice di massa corporea inferiore a 20, così come i bambini, gli adolescenti e le donne incinte o che allattano.

Nessuna illusione, tuttavia: anche nella versione "moumoune", rendere la Quaresima rimane una sfida immensa per la maggioranza. "Circa il 40% dei miei pazienti non si sente psicologicamente in grado di farlo", afferma Jason Fung. La ricercatrice Krista Varady è ancora meno generosa: secondo lei, solo una persona su cinque può farlo senza difficoltà. "Molti rinunciano perché si sentono fisicamente malati, o troppo irritabili", osserva.

In realtà, è particolarmente adatto per coloro che sono riluttanti a contare i piselli nel loro piatto. Trattenere il cibo permette loro di perdere peso, liberandosi dalla vigilanza quotidiana che genera le diete abituali. Tuttavia, alla fine, non perdono peso più - la perdita di peso è all'incirca uguale a quella ottenuta durante una dieta ipocalorica, secondo uno studio recente.

Un altro aspetto negativo: il digiuno non si educa a un'alimentazione sana, osserva il cardiologo Martin Juneau, che teme che alcuni inizieranno a vivere con amore e acqua fresca alcune volte alla settimana per correre meglio sul cibo spazzatura per il resto del tempo .

Tuttavia, lo specialista ritiene che questo metodo meriti di essere considerato uno strumento terapeutico. Anche se infrange molte credenze - compresa quella che deve assolutamente prendere tre pasti al giorno per essere sani. "Do sempre l'esempio del gastroenterologo australiano, che ha scoperto che l'ulcera dello stomaco era causata da batteri e, quando ha detto ciò, la gente lo ha definito un bastardo. Quasi vent'anni dopo, è stato insignito del premio Nobel per la medicina, e preferisco affrontare le nuove strade con apertura, soprattutto quando la ricerca sembra così solida. "

* I primi nomi sono stati modificati su richiesta dei pazienti.

A basso snack

Soddisfare con tre pasti al giorno? Quindi non il 2017 ... Oggi, la grande tendenza è quella di sgranocchiare. Uno studio americano ha dimostrato che le persone mangiano più spesso di 40 anni fa, e quasi in qualsiasi momento, tranne tra l'1 e le 6 del mattino. Secondo il Dr Fung, questa abitudine potrebbe interrompere la produzione di insulina, l'ormone responsabile della gestione di nuovi arrivi di glucosio nel sangue. "Le nostre nonne avevano ragione a vietarci di mangiare fuori dai pasti!" Dice. Per mantenere la linea e tenere lontane le malattie, suggerisce di interrompere le interruzioni di Kit Kat e di lasciar passare almeno 12 ore tra la cena e la colazione. L'endocrinologo Dominique Garrel, professore all'Université de Montréal, ritiene che sia importante esaminare la composizione degli snack. "L'unica sostanza nutritiva la cui curva di consumo è perfettamente parallela a quella dell'innalzamento dell'obesità è lo zucchero, che è decollato nello stesso periodo nei primi anni '80". All'epoca, non solo era il grasso era accusato di tutti i mali, ma in aggiunta, l'industria alimentare aveva trovato un modo per estrarre zucchero dal mais a buon mercato. "Le aziende hanno iniziato a usarlo ovunque come sostituto del grasso", spiega, "quindi l'attuale abbondanza di cibi che sono sia molto ricchi di calorie sia economici. con un gran numero di persone obese che soffrono di carenze vitaminiche. "

Video: Ematoma Muscolare: Cosa Fare per Guarire Velocemente? (Agosto 2019).